FANDOM


Isla de Pelegostos
ISOLA DEI PELEGOSTOS
Informazioni generali
Continente

America

Localizzazione

Mar dei Caraibi

Società
Popolazione

Tribù dei Pelegostos

Affiliazioni

Tribù dei Pelegostos

Dietro le quinte
Prima apparizione

La Maledizione del Forziere Fantasma (2006)

Ultima apparizione

La Maledizione del Forziere Fantasma (2006)

"Non so dirvi di Jack Sparrow. Ma c'è un'isola a sud degli stretti dove scambio spezie con...delizioso porco a due zampe. Non so dirvi di Jack, ma lì troverete una nave. Una nave con le vele nere."
―Pescatore a William Turner Jr.[src]

L'Isola dei Pelegostos, anche nota come Isla de Pelegostos o semplicemente Pelegosto, era un'isola posta nella zona orientale del Mar dei Caraibi. Il vero nome di quest'isola è sconosciuto, tuttavia il nome Pelegosto deriva dal nome di una tribù cannibale che abitava l'isola. L'isola si trovava lontana dalle comuni rotte trafficate e spesso non segnata su molte carte. Per questo motivo, l'isola fu abitata per molti secoli solamente dalla tribù cannibale, lontana dal resto della civiltà.

Storia

Jack scappa dai Pelegostos

Jack Sparrow scappa dai Pelegostos.

Si ritiene che Capitan Jack Sparrow giunse su quest'isola negli anni precedenti al suo arrivo a Port Royal e al rapimento di Elizabeth Swann. Qui, egli imparò parzialmente la lingua dei nativi, e i Pelegostos lo nominarono il loro capo tribù. Sparrow riuscì a fuggire dall'isola, ma, anni dopo, in seguito all'evasione dalla prigione turca, lui e la ciurma della Perla Nera cercarono di nascondersi dal Kraken, il calamaro gigante, rifugiandosi su quest'isola. I Pelegostos si convinsero che Jack era il loro dio in forma di uomo e che per liberarlo avrebbero dovuto mangiare il suo corpo. Jack e i sopravvissuti della ciurma riuscirono a sfuggire dai cannibali in seguito all'arrivo di Will Turner.

Geografia

Isla de Pelegostos bridge (1)

Uno scorcio dell'isola con uno dei ponti sospesi

Nell'interno dell'isola, elevati picchi rocciosi si alternano a vertiginosi strapiombi. I Pelegostos eressero le loro capanne sulle cime piatte dei monti, per renderle inaccessibili ai nemici. Lunghi ponti sospesi, costruiti a diverse altezze con liane e viti, permettevano agli abitanti di spostarsi facilmente da una vetta all'altra.

Sparsi ovunque nel villaggio si trovavano dei crani, tibie, costole e vertebre come inquietanti resti dei banchetti allestiti dai Pelegostos. Le abitazioni dei Pelegostos erano costruite intrecciando i rami più flessibili degli alberi della giungla e le loro tende di ingresso erano realizzate legando fra loro ossa umane perfettamente ripulite. Malgrado il loro fragile aspetto, queste capanne risultavano essere molto resistenti e offrivano un riparo sicuro dalle frequenti tempeste tropicali.

I rapporti con la Compagnia delle Indie Orientali

225px-250px-EITCeverywhere

Il simbolo della Compagnia delle Indie su un barattolo di spezie

All'interno delle capanne si trovava di tutto: posate, coltelli, persino spezie. Questi ultimi erano marchiati con il simbolo EITCo (East India trading Company), ovvero la Compagnia Britannica delle Indie Orientali. Tuttavia, non è possibile sapere se fossero stati scambiati con i rari mercanti che si avventuravano fin qui o se fossero stati sottratti ai malcapitati marinai sbarcati per loro sfortuna su quest'isola.

Dietro le quinte e curiosità

  • Le scene di La Maledizione del Forziere Fantasma ambientate sull'isola dei Pelegosts sono state girate soprattutto sull'isola di Dominica.
  • Prima di allestire il set del villaggio dei cannibali, il team scenografico ha creato dei modellini in miniatura: in questo modo è stato più semplice studiare la struttura di mura ed abitazioni, in vista della loro costruzione.
  • La parete della gola sulla quale si arrampicano i pirati intrappolati nelle gabbie è stata in larga parte ricostruita a terra, per facilitare e rendere più sicure le riprese con gli attori.
  • In portoghese, Pele significa "pelle" e gosto significa "assaggiare".