FANDOM


250px-Marty AWEProfile
MARTY
Informazioni biografiche
Specie

Umana

Sesso

Maschio

Occhi

Azzurri

Capelli

Calvo

Statura

1,24 m

Nascita

1695

Morte

Sconosciuta

Parenti

El Grande (fratello)

Professione

Pirata

Abilità

Abile cannoniere
Ottimo tiratore

Informazioni specifiche
Arma/i

Pistola
Fucile

Navi capitanate o servite

HMS Interceptor (servita)
Perla Nera (servita)
Hai Peng (servita)
Dying Gull (servita)
HMS Essex (prigioniero)

Affiliazioni

Ciurma della Perla Nera (1728)
Ciurma del Dying Gull
Ciurma della Perla Nera (1751)

Dietro le quinte
Autore

Ted Elliott
Terry Rossio

Prima apparizione

La Maledizione della Prima Luna (2003)

Ultima apparizione

La Vendetta di Salazar (2017)

Interpretato da

Martin Klebba

Doppiatore italiano

Stefano Onofri

"E Marty, il nano, ha uno spirito combattivo, dico davvero, di dimensioni più grandi delle sue dimensioni."
Joshamee Gibbs[src]

Marty (1695 - ?) era un pirata affetto da nanismo che operò nei Caraibi nel XVIII secolo. Molte persone dicono che le cose migliori si presentano sotto piccoli aspetti...e Marty non ha fatto eccezione. Piccolo ma duro e sicuro di sé, Marty era un osso duro e un valido avversario nelle lotte e in particolar modo un eccellente cannoniere: grazie alla sua bassa statura riusciva infatti a caricare le bocche da fuoco senza chinarsi, precedendo anche i pirati più esperti.

Tra il 1728 e il 1729, Marty servì sotto il comando di Capitan Jack Sparrow a bordo dell'HMS Interceptor, della Perla Nera. Egli era uno dei pochi ad essere sopravvissuti all'attacco del Kraken. Inoltre, fu uno dei tanti pirati che combatterono contro l'armata di Lord Cutler Beckett per la libertà. Nel 1751, anni dopo, Marty si ricongiunse con Capitan Sparrow entrando nella ciurma del Dying Gull con cui partecipò alla cerca del leggendario tridente di Poseidone.

Marty appare in tutti i film della saga ad eccezione del quarto film ed è interpretato da Martin Klebba.

Biografia

Passato

Non si sa molto sul passato di Marty. Si sa solo che nacque verosimilmente nel 1695 e che aveva un fratello maggiore chiamato El Grande.

Nella ciurma di Jack Sparrow (1728- 1729)

L'Isla de Muerta

49784

Marty

Nel 1728, Marty viene reclutato a Tortuga da Jack Sparrow e Joshamee Gibbs in seguito al rapimento di Elizabeth Swann da parte di Hector Barbossa. Marty si unisce alla ciurma di Jack al comando dell'HMS Interceptor per raggiungere l'Isla de Muerta per salvare Elizabeth. Più tardi, Marty partecipa alla battaglia tra l'Interceptor e la Perla Nera durante la quale lui sta ad uno dei cannoni della nave con il quale fa fuoco sparando diversi oggetti. Alla fine della battaglia Marty e il resto della ciurma vengono fatti prigionieri a bordo della Perla Nera e l'Interceptor viene distrutta con dell'esplosivo. Più tardi, durante la battaglia dell'Isla de Muerta, Marty e la ciurma vengono salvati da Elizabeth Swann, che li libera dalla loro cella. Tuttavia, quando Elizabeth chiede loro di aiutare Jack loro si rifiutano di farlo perché così violerebbero il Codice Piratesco e perché Jack gli deve una nave. Perciò Marty e il resto della ciurma lasciano Elizabeth all'Isla de Muerta e salpano con la Perla Nera. Il giorno seguente loro vanno a Port Royal dove recuperano Jack, appena sfuggito all'impiccagione per pirateria. Marty resta poi in servizio a bordo della Perla Nera.

La cerca del forziere fantasma (1729)

Nel 1729, un anno dopo la battaglia dell'Isla de Muerta, a seguito del ritorno di Jack Sparrow sulla Perla Nera con il disegno di una chiave, Marty nota che Jack si comporta in modo strano e Gibbs dice che c'è qualcosa che tormenta Jack e che i guai di Jack saranno anche i loro. La ciurma viene catturata dai Pelegostos dopo che Jack scopre da Sputafuoco Bill Turner che Davy Jones vuole che lui saldi il suo debito perché altrimenti gli manderebbe contro il Kraken,una bestia ai suoi ordini. Dopo diverse peripezie una parte della ciurma, Will Turner e Jack riescono a fuggire dall'isola dei Pelegostos a bordo della Perla Nera.

La perdita del capitano

640px-Marty lookout

Marty a bordo della Perla Nera

Più tardi, durante la battaglia con l'Olandese Volante Marty informa la ciurma che l'Olandese Volante è rimasto troppo indietro per avere la Perla Nera nella portata dei suoi cannoni. Durante la battaglia con il Kraken, Marty aiuta la ciurma ad alzare una rete piena di barili di polvere da sparo da usare contro il Kraken. Alla fine i barili vengono fatti esplodere da Jack con un colpo di fucile e il Kraken viene momentaneamente allontanato. Marty è tra i pochi membri della ciurma a sopravvivere alla battaglia e chiede a Gibbs se sono riusciti a uccidere il Kraken. Gibbs gli dice che non l'hanno ucciso ma lo hanno solo fatto arrabbiare. Gibbs chiede ordini a Jack e quest'ultimo ordina di abbandonare la nave. Marty, Will e gli altri membri della ciurma sopravvissuti alla battaglia con il Kraken (Gibbs, Cotton e il suo pappagallo, Pintel e Ragetti).Tuttavia Elizabeth Swann lega Jack all'albero maestro della Perla Nera dopo averlo baciato perché ha capito che il Kraken vuole lui e non loro. Perciò, mentre Marty e gli altri fuggono con la scialuppa, il Kraken affonda la Perla Nera con Jack Sparrow. I sopravvissuti si recano a Cuba, da Tia Dalma. Assieme agli altri, Marty accetta di recuperare Jack Sparrow nello Scirgno di Davy Jones, guidati dal redivivo Hector Barbossa.

Guerra contro la pirateria (estate 1729)

Recuperare Jack Sparrow

400px-POTC3 09

Marty durante la battaglia nel covo di Sao Feng

Due mesi dopo, la ciurma guidata da Barbossa giunge a Singapore per ottenere le carte nautiche del pirata nobile Sao Feng che sono la rotta per i confini del mondo. Marty partecipa alla battaglia per le strade di Singapore combattendo contro i soldati della Compagnia Britannica delle Indie Orientali e lo si vede mentre spara con una grossa pistola.

Più tardi la Hai Peng, la nave data da Sao Feng a Will, precipita nelle cascate poste ai confini del mondo finendo nello Scrigno di Davy Jones,il luogo dove è confinato Jack. Nello Scrigno Marty e il resto della ciurma si ricongiungono con Jack,che è riuscito a fuggire con la Perla Nera. Più tardi Marty aiuta la ciurma a far rollare la Perla Nera fino a capovolgerla completamente. Allora si verifica il verde baleno, il segnale che un'anima dal regno dei morti torna in quello dei vivi e la Perla Nera riemerge dall'acqua tornando nel regno dei vivi. Marty è poi tra i membri della ciurma che scendono su un'isola (Black Sand Beach) dove trovano la carcassa del Kraken. Inoltre Marty allerta il suo capitano della presenza dell'Empress.

La battaglia del maelstrom

In seguito Marty partecipa alla battaglia del maelstrom di Calypso durante la quale spara con un fucile da un albero della Perla ai membri della ciurma dell'Olandese Volante che tentano l'arrembaggio alla Perla Nera. Marty avvisa i pirati che la flotta della Compagnia si sta ritirando e i pirati festeggiano la loro vittoria sul nemico.

Sotto il comando di Hector Barbossa (1729)

L'ammutinamento contro Jack Sparrow

Ciurma Perla Nera e Barbossa finale

Pintel, Murtogg, Ragetti, Mullroy e Marty a bordo della Perla Nera dopo l'ammutinamento contro Capitan Sparrow.

Settimane dopo, Marty resta a bordo della Perla Nera dopo il secondo ammutinamento escogitato da Barbossa a causa del quale Jack e Gibbs vengono lasciati a Tortuga. Marty insieme a Pintel, Ragetti, Mullroy e Murtogg si sentono in colpa per aver lasciato Jack indietro di nuovo ma provano a confortarsi pensando alla loro prossima destinazione: la leggendaria Fonte della Giovinezza. Tuttavia, quando Barbossa apre le carte che indicano la rotta per la fonte, scoprono che Jack Sparrow ha rubato la parte centrale della mappa.

È ignoto se Marty si trovasse ancora a bordo della Perla Nera quando questa venne attaccata e catturata dal pirata Barbanera. È possibile che Marty abbia abbandonato la ciurma di Barbossa prima di quell'evento o che sia sopravvissuto all'attacco.

Ricongiungendosi con Jack Sparrow

Tra il 1750 e il 1751, Marty si unì alla nuova ciurma di Jack Sparrow che era formata da Mastro Gibbs, Scrum, Bollard, Cremble e Pike. La ciurma si pose come base un cantiere navale abbandonato sull'isola di Saint Martin in cui si trovava un vecchio sloop, il Dying Gull, che essi presero come propria nave.

La ricerca per il tridente di Poseidone (1751)

Tempi difficili

Dying Gull crew

Marty e il resto della ciurma del Dying Gull.

Nel 1751, Capitan Sparrow, Marty, Gibbs e la ciurma, sempre stanziati sull'isola di Saint Martin, decisero di rapinare la nuova Regia Banca di Saint Martin il giorno della sua inaugurazione. Tuttavia, il colpo fallì e la ciurma, stanca dell'ennesimo fallimento e dell'atteggiamento arrogante di Jack, che chiedeva di essere comunque pagato per il colpo, decide di lasciar perdere e si licenzia.

Viaggio verso il tridente e ammutinamento

Il giorno seguente, dopo la cattura di Sparrow da parte degli uomini del tenente John Scarfield, il giovane Henry Turner, che aveva bisogno dell'aiuto di Sparrow e di Carina Smyth, un'astronoma accusata di stregoneria, per trovare il leggendario tridente di Poseidone, paga Marty e il resto della vecchia ciurma di Jack per aiutarlo a salvare Carina e Jack. Il salvataggio ha successo e Marty, Capitan Sparrow e la ciurma salpano a bordo del Dying Gull alla ricerca del tridente.

Sfortunatamente per l'equipaggio, il terrificante Capitán Armando Salazar con la sua nave fantasma Silent Mary e la sua ciurma di fantasmi sta dando la caccia a Jack Sparrow per vendicarsi.  I pirati sono adirati con Sparrow e minacciano di ucciderlo poiché li avrebbe condannati a morte certa. Jack, tuttavia, riesce a convincere la ciurma ad ammutinarsi e ad abbandonare sull'isola più vicina lui, Henry e Carina. Joshamee Gibbs viene eletto capitano e, dopo essere giunti presso Hangman's Bay, abbandonano Jack, Henry e Carina su una scialuppa affinché raggiungano la terraferma.

Cattura e il ritorno sulla Perla Nera

Ciurma DG Essex

Marty e la ciurma nelle celle della HMS Essex.

In seguito però, Marty e l'equipaggio furono catturati dalla HMS Essex. Marty e la ciurma riuscirono a fuggire dalla cella e a imbarcarsi di nascosto su una scialuppa. La fuga ebbe successo e quando furono abbastanza lontani Marty e il resto della ciurma videro che la Perla Nera era stata riportata alle sue dimensioni naturali ed era di nuovo in vela nel mare. Cogliendo l'occasione Marty remarono verso di essa per raggiungerla. È ignoto il modo in cui sei uomini su una scialuppa abbiano raggiunto la Perla Nera, la nave più veloce dei Caraibi, in così poco tempo e senza essere stati visti dalla HMS Essex, che si stava dirigendo anche essa in quella direzione.

Ciurma DG arrembaggio PN

Marty e la ciurma del Dying Gull a bordo della Perla Nera.

Dopo averla raggiunta, Marty e gli altri salirono sulla Perla Nera dove si unirono agli uomini di Barbossa nella battaglia contro la ciurma fantasma della Silent Mary. In seguito Marty e gli altri rimasero sulla nave quando Jack, Barbossa e Carina sbarcarono a Black Rock Island e quando Jack e Carina arrivarono nella Tomba di Poseidone. Dopo che Jack Sparrow, Henry Turner e Carina Smyth riuscirono a sopravvivere e a scappare dalla Tomba e tornarono in superficie e dopo la morte di Barbossa e la morte definitiva e sconfitta di Salazar, Marty scopre la morte del suo ex capitano (Barbossa) e si mette la mano sul petto come segno di rispetto.

Marty rimane poi nella nuova ciurma della Perla Nera ancora una volta sotto il comando di Capitan Jack Sparrow. Il suo fato è sconosciuto.

Dietro le quinte e curiosità

  • Marty è stato interpretato da Martin Klebba nei primi tre e poi nel quinto film della saga. In italiano è stato doppiato da Stefano Onofri.
  • A detta di Martin Klebba, all'inizio il nome del personaggio doveva essere Dirk, ma poi qualcuno, probabilmente il regista Gore Verbinski, preferì usare il vero nome dell'attore.
  • Ciascuna delle chiavi che Marty porta legate al collo con una collana ha un significato simbolico. Fu lo stesso Klebba a ricavare questa idea assieme alla costumista Penny Rose.

Apparizioni

Fumetti

Videogiochi

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.