FANDOM


PdC Magazine 4 ediz

Copertina russa del quarto numero di Pirati dei Caraibi Magazine.

Occhi di serpente! è una breve storia a fumetti ambientata nel mondo di Pirati dei Caraibi pubblicata dalla Disney Italia nel quarto numero della serie Pirati dei Caraibi Magazine, poi pubblicato dalla Disney Adventures anche in altri stati. Il fumetto è stato pubblicato sotto il titolo di Pirati dei Caraibi - La Maledizione del Forziere Fantasma.

Trama

Jack Sparrow e la sua ciurma sono a bordo della Perla Nera che sta attraversando una tempesta. Per passare il tempo, Jack e la ciurma stanno giocando a Occhi di serpente, e Jack spiega il mito dietro al gioco in cui è menzionato anche un serpente marino. Il gioco viene interrotto quando la ciurma avvista in mezzo alle onde una scialuppa con a bordo una donna in stato di incoscienza. La donna viene portata a bordo della nave. La mattina dopo questa si presenta come Mary Bonny. Più tardi, quando la donna si è "svegliata" nella cabina del capitano, lei cerca di rubare segretamente la bussola magica di Jack Sparrow, ma viene sorpresa e fermata da quest'ultimo.

Mary rivela allora di essere stata una capitano pirata ed essere stata lasciata su quella scialuppa dalla sua stessa ciurma dopo che questa aveva sollevato un ammutinamento contro di lei. Mary e Jack ingaggiano un duello per la bussola al termine del quale la donna disarma Sparrow. Jack le lancia addosso i dadi della partita a Occhi di serpente a cui stavano giocando poche ore prima. Quando Mary afferra i dadi, emerge vicino alla Perla un gigantesco serpente marino, lo stesso descritto da Jack la sera prima. Il mostro si avvicina alla nave e inghiotte Mary Bonny viva. Il giorno dopo Mary Bonny è evidentemente riuscita a scappare dal serpente in quanto si trova su un'isola deserta dove promette di vendicarsi di Jack.

Personaggi apparsi

Curiosità

  • È possibile che il nome Mary Bonny derivi da quello di Mary Read e Anne Bonny, due famose donne pirata.
  • Il gioco Occhi di serpente è molto simile al gioco Jumanji dall'omonimo film del 1995.